Storia

Se volete conoscere come sono ora questi quasi cento anni di attività vi aspetto nel mio negozio a Venezia.

Cordialmente vostro

Umberto Guarinoni

  • - 1920

    Subito dopo la Prima Guerra Mondiale, anno 1920, a Venezia in campo San Tomà, vicino alla Scuola dei Calegheri, nasce il negozio del restauratore Vittorio Guarinoni.

    La bottega apre in un contesto artistico di vari negozi dove si lavora per servire i nobili veneziani.

    Vittorio era considerato un ragazzino, ma aveva già idee da imprenditore e riusciva con la fantasia e le sue doti a trasformare qualsiasi oggetto in un pezzo di arredo.

    Vittorio era un doratore di cornici e laccatore di mobili veneziani, da giovanissimo ha lavorato presso il maestro Zennaro che gli insegnò l’arte e i trucchi del mestiere, che ha subito messo in pratica sfruttando la sua esuberanza, ricca di idee e fantasia. Le proposte nell’arredare erano sorprendenti e divenne così ricercato perché riusciva sempre a soddisfare il cliente e a farsi amare per la sua disponibilità.

    Anch’io ricordo così mio nonno, buono e generoso.

  • - 1932

    Nasce Gian Carlo, mio papà. Il nonno, felice, già pensa ad un futuro che vede il figlio erede di quello che lui aveva creato e Gian Carlo non lo delude. Infatti era nato un gran decoratore.

    Mio papà per anni andò a scuola dal maestro Fuga imparando quelle tecniche che oltre ad applicarle sul lavoro studiava alla sera per farle sue e migliorarle.

    Importanti sono stati gli incontri che ha fatto durante la pausa che si concedeva durante la giornata, infatti era sua abitudine pranzare alla “Trattoria da Miro ai Padovani” frequentata dai più noti pittori veneziani.

    Pittori come Cherubini, Novati, Mori, Parmigiani, Tancredi, Scarpa, Croce, Carena, che hanno fatto innamorare Gian Carlo della pittura fino al punto che iniziò ad acquistare le loro opere per commercializzarle insieme alle decorazioni nei mobili.

    Anche Gian Carlo come Vittorio riusciva a fare dei mobili di prestigio imitando lo stile settecento come i fiori sulle consolle, comò e specchiere. Ormai il veneziano arredava la sua casa con questo stile e il negozio era un angolo di Venezia da visitare.

    Il tempo muta e anche il negozio si adatta al tempo. Ora i giovani apprendisti vanno a scuola da Guarinoni e una volta imparato il mestiere aprono, con alterne fortune, i loro laboratori. Gian Carlo, ad ogni modo, riesce ad innovare e migliorare la sua arte ed il negozio diventa sempre più interessante.
    foto in negozio

  • - 1970

    È con l’inizio degli anni ’70 che nasce una nuova passione, la compravendita di antichità.

    Un mestiere difficile per la sua vastità: mobili, ceramiche, argenti, quadri e molti altri accessori.

    Ovviamente la specializzazione fu fatta nel mobile dove le riparazioni erano eseguite in collaborazione con maestri che contribuivano a restaurare preziosi mobili come maggiolini e laccati del ‘700 di nobili famiglie veneziane presso le quali Gian Carlo ha portato la sua competenza.

    Competenza, anni dopo, portata anche nel restauro di alcune stanze del Palazzo Ducale di Venezia.

    GUARDA IL VIDEO

  • - 1974
    Metto piede in negozio agli ordini di papà Gian Carlo con il soprannome di Umbertino datomi dai “bottegheri” della zona.
    Avevo già deluso i miei amati genitori che mi volevano avvocato e ho continuato coerente con il mio carattere a non voler seguire le orme tracciate da mio nonno Vittorio e poi la strada consolidata da mio papà.Ribelle, non amavo il comando.Così, dopo la aver appreso le tecniche di restauro da mio papà, inizio a commercializzare e con il passare del tempo la mia attività si concentrata soprattutto nel cercare e proporre “originali di antichità”.
  • - 1974
    Questa non è più storia e se volete conoscere come sono ora questi quasi cento anni di attività vi aspetto nel mio negozio a Venezia.
    Cordialmente Vostro
    Umberto Guarinoni